“Spero continui così per settimane, a questi livelli la nostra capacità diagnostica è adeguata. Se però la trasmissione aumenta rischiamo di non controllarla più”. Così il professor Andrea Crisanti, ordinario di Microbiologia a Padova, il primo a testare gli asintomatici in Veneto quando i tamponi si facevano solo a chi aveva la polmonite e neanche […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Altri 900 focolai, 14 a scuola. “Epidemia in peggioramento”

prev
Articolo Successivo

In rianimazione tanti under 50. Ma si muore meno di prima

next