Reparti pieni e terapie intensive di nuovo sotto pressione. La riapertura dell’ex bunker anti al Qaeda realizzato anni fa all’ospedale Spallanzani – e poi destinato ad “ala Covid” nel pieno dell’epidemia – è il segno tangibile di come Roma si stia preparando alla seconda ondata, sebbene ancora “non inevitabile” a giudizio del direttore sanitario dell’istituto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La banda mondiale dei negazionisti e sovranisti uniti

prev
Articolo Successivo

Campania e Liguria: reparti con 10 giorni di autonomia

next