Cinquanta milioni di album venduti, precursore dell’immaginario – almeno in Italia – dell’artista ambiguo, delle maschere con le quali ha vestito nel tempo e nella carriera i suoi personaggi. Clown, mimo, cantante di strada, popstar, eccentrico, istrionico; amato incondizionatamente dai suoi fedeli sorcini, moltiplicati nell’arco di tre generazioni come solo Vasco può vantare. Zerosettanta è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Buzzi fa lo scrittore, Carminati è libero: ecco come è finita

prev
Articolo Successivo

Gatti assassini, peli lunghi e 2 kg di ceneri: che morte

next