“Con riferimento alla vicenda legata al signor Mincione, sono state fatte pressioni per ottenere investimenti che si ponevano al di fuori delle disposizioni regolamentari interne adottate dalla Fondazione e per le quali la Fondazione si è opposta nettamente”. Ad affermarlo è Gianroberto Costa, presidente di Enasarco, il potentissimo e ricchissimo ente nazionale d’assistenza degli agenti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Dai colossi alla Bcc di Cuneo Caso Fincen, gli affari italiani

prev
Articolo Successivo

Suárez e l’esame farlocco “La Juventus ha fretta”

next