Siamo agli sgoccioli: tra qualche giorno si va a votare. Per il rinnovo di sette consigli regionali (lo ricordiamo perché c’è una diffusa distrazione sul punto) e per una riforma che si sta cercando di trasformare in un 11 settembre della Costituzione quando invece è una modifica piccola piccola (non ripeteremo qui che servono correttivi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

In classe Il vero assembramento è quello delle cazzate (dei politici)

prev
Articolo Successivo

Staderini: “Diritti violati”. Brindano solo gli avvocati

next