Una fiduciaria di Milano il cui presidente del Cda è un notaio di Parma. Questo lo snodo che collega le due inchieste più delicate della Procura di Milano: quella sui presunti fondi neri della Lega di Matteo Salvini e quella sulla fornitura di camici alla Regione da parte di Dama Spa, la società di Andrea […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

“Più Voci liquidata”, il conto della onlus che piaceva agli imprenditori

next