È una festa di compleanno, ma senza invitati: 90 anni di storia e nessuno a spegnere le candeline. Il salotto del tennis mondiale assomiglia più ad un’infermeria: ambienti sterili, giornalisti pochi e confinati, addetti ai lavori bardati di mascherine, varchi, misuratori di temperatura e controlli ovunque. La Casa delle armi, gioiello di architettura, riadibita a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

La riscoperta Angelo Donati, nella storia di un singolo quella di tutti gli ebrei italiani

prev
Articolo Successivo

Il coraggio di essere uomini veri. Guida contro gli stereotipi

next