“Nelle società contemporanee l’affermazione d’un pensiero unico, totalizzante, non ricorre a strumenti repressivi, non ha bisogno di censori e poliziotti al suo servizio, giacché sceglie viceversa forme più subdole e indirette” (da “Le libertà negate” di Michele Ainis – Rizzoli, 2004 – pag. 2) Era prevedibile che i cosiddetti “giornaloni” non avrebbero attribuito grande spazio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Mail box

next