Nel rebus elettorale e referendario del 20 e 21 settembre, c’è un’incognita che incombe sul futuro della Puglia e potrebbe produrre ripercussioni anche sul piano nazionale. Il governatore uscente, Michele Emiliano, rischia la poltrona per il “fuoco amico” che proviene dalle file della maggioranza di governo, cioè dagli stessi alleati del Partito democratico. Oltre alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Lo struzzo, il pessimista e il poeta che crede vere le affermazioni in rima

prev
Articolo Successivo

Come diceva Wojtyla: salviamo il tempo libero (dall’industria)

next