Circola in Rete un video esilarante. Una conduttrice del Tg1, testuale, a un certo punto, dice: “Il ministro della Speranza, Salute”. Errore sublime e al contempo illuminante. Sublime, perché un ministro della Speranza in effetti non ci farebbe male (ancor più se si chiamasse Salute). E illuminante, perché il ministro reale non è mai stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Franzaroli

prev
Articolo Successivo

F1, ritirare la Ferrari? È un totale disastro, ma l’addio sarebbe peggio

next