L’analisi costi-benefici non è più di moda, dopo la breve parentesi di Graziano Delrio al ministero delle Infrastrutture (“si annuncia ma non si fa”), dei 5Stelle (“si fa ma se ne smentiscono i risultati”), e dell’attuale governo (“neanche parlarne”). Confindustria, costruttori e destre assentono felici. Vale l’“arbitrio del principe”, che non deve render conto di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Riecco il Ponte sullo stretto: uno scherzo che ha 50 anni

prev
Articolo Successivo

In Europa. Ancora 1500 infrazioni aperte, soprattutto green

next