Fosse per gli stereotipi su di loro che i passeggeri dicono a mezza voce – “Ma i piloti si sposano con le hostess?”, “Alla fine sono tutti camerieri”, “Lo sai che non possono donare gli organi?” –, la loro vita in cabina sarebbe triste e monotona. Invece, come scrivono Franco Lombini e Mario Tadiello, laureati, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Passione devastatrice”. La diva, il vate e la “tragedia”

prev
Articolo Successivo

Migranti, governo contro Musumeci: “Solo propaganda”

next