A Venezia, ora: per ricordarci che l’arte non è (solo) il lusso distruttivo dei ricchi. È la libertà di noi tutti. Se vi chiedo il nome di ‘un artista eretico’, a nessuno verrà in mente il nome di Veronese. Mi risponderete ‘Caravaggio, Goya, Van Gogh’: ma non il pittore solare, il pittore della gioia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Israele. I ministri rabbini contro Gamzu, lo zar anti-Covid

prev
Articolo Successivo

Spiriti mafiosi. Tutt’altro che “meridionale”, la storia di un potere antico quanto il mondo

next