I miasmi del caso Palamara stanno causando alla credibilità della magistratura una crisi da precipizio. Avere a cuore lo stato di salute della democrazia comporta l’impegno urgente di operare incisive riforme del comparto giustizia. A partire dal CSM: dove si è incistato il groviglio delle “correnti”, meccanismi clientelari che producono nefandezze in quanto piegati allo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Miss Frangetta, Candy Candy e Tricolore: i politici-sirenetti

prev
Articolo Successivo

Bukowski – L’impiegato sbronzo: “Post Office” e post-coito

next