Proprio come l’immenso Mike Tyson, anche il nostro Renatino Brunetta, a fine carriera, vuole tornare sul ring e riprendersi quello che è suo, il titolo di miglior pugile della parola, capace di menare, a mani nude, smisurate categorie di avversari, i fannulloni pubblici, i magistrati assenteisti, i poliziotti sovrappeso, gli economisti incompetenti, i giornalisti ficcanaso, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Trump rompe il tabù taiwanese

prev
Articolo Successivo

La notte della Repubblica in cui si è spento Zavoli

next