L’erede che sta in guerra immagina il futuro. Pensa a un M5S rinnovato nei volti e nella struttura, con Alessandro Di Battista come perno e capo, e attorno a lui nuovi eletti, quelli da trovare anche con nuove regole per la selezione dei candidati, di fatto una tagliola per liberarsi dell’aristocrazia grillina che sta a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Guerra sul regionale: “Su quel sedile no!”

prev
Articolo Successivo

Il caso Spadafora: il premier rinvia tutto a settembre

next