Fra i cronisti presenti alla Stazione di Bologna in quel terribile 2 agosto 1980 si fa presto strada l’ipotesi di una bomba. Lo squarcio è enorme, i morti si contano ormai a decine, i feriti non si contano nemmeno. Per me è un luogo familiare: una delle mie primissime inchieste a fine anni 50 riguardava […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

I 5 Stelle bocciano la riforma “pro Malagò”. Adesso Spadafora minaccia le dimissioni

next