Il secondo gruppoautostradale italiano, quello cha fa capo alla famiglia Gavio e ha in concessione 1.400 chilometri di corsie nel nostro Paese, soprattutto nel ricco nordovest, ha sentito l’odore del sangue e ora punta al bersaglio grosso: la rete di Autostrade per l’Italia destinata a finire nell’orbita di Cassa depositi e prestiti. Umberto Tosoni è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“PedeFontana”: così la Lega s’è presa l’autostrada inutile

prev
Articolo Successivo

Immigrati, virus, tamburi e Briatore: levategli il mojito

next