Non esploderà il 18 agosto, perché il governo prorogherà ancora il blocco dei licenziamenti economici. Ma una volta rimosso il divieto, la bomba sociale delle ristrutturazioni aziendali rischierà di mandare a casa altri 200 mila lavoratori. Da aggiungere ai 600 mila che – dice l’Istat – hanno già perso il posto da marzo a oggi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Gli abusivi della Cig: 600 volte i “furbi” del reddito

prev
Articolo Successivo

Attenzione, Iva Zanicchi ora medita vendetta contro Gianni Morandi

next