A Palazzo Madama si fa melina. Da un anno, infatti, i magistrati di Milano aspettano inutilmente di essere autorizzati a sequestrare due computer al leghista Armando Siri indagato per autoriciclaggio aggravato nell’indagine sui mutui sospetti che gli sono stati accordati quando era sottosegretario dalla Banca agricola di San Marino. Finora però sono rimasti a bocca […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Alla festa del Papeete mancano gli invitati: Salvini si sveglia male

prev
Articolo Successivo

Basta flat tax, ora alla Scuola leghista si fa meditazione

next