La Polonia sta per abbandonare la Convenzione di Istanbul, trattato giuridico internazionale contro la violenza domestica sulle donne, e a Varsavia questa è l’ennesima notizia che fa squillare ininterrottamente il telefono del vicedirettore della Gazeta Wyborcza, Bartosz T. Wielinski. “Il rigetto della Convenzione non è l’unica novità. Siamo un Paese spaccato a metà, polarizzato tra […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Trump e i dispetti alla Germania

prev
Articolo Successivo

“Maxwell gestiva le schiave sessuali”

next