Ha detto di essere stato frainteso e si è scusato, Andrea Bocelli, che lunedì ha deciso di partecipare al convegno, organizzato in Senato da Vittorio Sgarbi, “Covid-19 in Italia, tra informazione, scienza e diritti”. Un titolo tanto pomposo quanto falso, che avrebbe potuto tradursi tranquillamente con “non ci dovete rompere le palle, evviva la movida”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’inchiesta sull’Italicus, Gelli e la P2 va riaperta

prev
Articolo Successivo

Fontana ha mentito: dovrebbe dimettersi (in attesa di giudizio)

next