4 agosto 1974: l’Italia è di nuovo in lutto. La mano stragista colpisce il treno Italicus nei pressi di San Benedetto Val di Sambro, nel Bolognese. Dodici morti e 40 feriti, ma solo perché il treno porta sei provvidenziali minuti di ritardo, altrimenti la bomba sarebbe scoppiata dentro una galleria e l’effetto detonante sarebbe stato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

In tutti i meeting Trump regala ai capi di governo una foto di Melania nuda

prev
Articolo Successivo

L’uso politico del negazionismo penalizza i cittadini più deboli

next