Questa settimana il pugno di ferro di Recep Tayyip Erdogan si è abbattuto sugli utenti dei social network, sui cittadini laici e sulle donne. Social network Dal fallito golpe del 2016, le purghe del presidente turco hanno preso di mira i pochi media rimasti indipendenti nonostante anni di multe e arresti delle firme più note. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Dalla sciatica alla lavastoviglie: guida ragionata ai sex toys

prev
Articolo Successivo

Lettera da Londra, parola d’ordine: correre ai ripari (dagli errori nella gestione del Covid)

next