Come per le mascherine, mai si poteva immaginare che un giorno i banchi di scuola sarebbero diventati i beni più richiesti sulla piazza. E invece. La corsa contro il tempo verso il 14 settembre, quando 8,4 milioni di studenti torneranno in classe dopo il Covid, ha caricato il piccolo e non florido comparto dell’arredo scolastico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I “furbetti” della Cig c’erano davvero. Ma Confindustria batte ancora cassa

prev
Articolo Successivo

“Polemica assurda”. Così Arcuri punta a riaprire le scuole

next