Per Matteo Salvini è solo “giustizia a orologeria”. Come sempre. Stavolta però con l’aggravante di un crudele e illogico controsenso: “Indagato, perché un’azienda ha regalato migliaia di camici ai medici lombardi. Ma vi pare normale?”, ha dichiarato ieri il leader della Lega. Detta così, effettivamente, suona molto strana: come si fa a indagare un benefattore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Matteo e un mare di guai: le mille indagini sulla Lega

next