Le grandi storie italiane hanno sempre strascichi infiniti e quella del Ponte sullo Stretto non è da meno. Ma quasi quarant’anni dopo la sua istituzione e otto anni dopo la decisione di fermare l’opera, la società concessionaria incaricata di costruirla potrebbe davvero chiudere i battenti. La decisione l’ha presa Palazzo Chigi che, dopo un lungo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Casaleggio riscrive le regole (e blinda i due mandati)

prev
Articolo Successivo

Il carabiniere “capobanda” “Ho esagerato per vanità”

next