Il primo obiettivo della Procura di Pavia è quello di stabilire con certezza se, come sospetta, nel progetto di collaborazione firmato tra la Fondazione San Matteo e la multinazionale Diasorin per i test sierologici vi siano gli estremi del peculato e della turbata libertà degli incanti. Sullo sfondo, però, c’è la politica regionale e una […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il memoriale di Graviano: “B. fece i soldi grazie a noi”

prev
Articolo Successivo

“Chi non segue la linea è fuori: lo dice Salvini”

next