La coda inizia quasi all’alba e ben presto chi ne fa parte si organizza per una lunga attesa, sfruttando ogni zona d’ombra, appena i raggi del sole iniziano a prendere forza. La meta, per tutti coloro che sono in fila, è giungere alla porta di ingresso del supermercato “3°y70”, uno dei negozi dell’Avana dove, dallo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Ma quale pausa? Siamo vivi e non ci siamo mai fermati”

prev
Articolo Successivo

Tutti uguali agli occhi di Dio, però alle diacone meno soldi

next