Elly Schlein, lei è un po’ il riferimento delle Sardine. Il campo progressista che vorrebbero loro è lo stesso che sogna lei?

Io credo serva una visione del futuro, che adesso alla politica manca. La troviamo nei movimenti sociali spontanei degli ultimi mesi: le Sardine sono un esempio, ma penso anche a Black Lives Matter o Fridays For Future. Io sono entrata in punta di piedi in tutte queste piazze, ascoltando richieste precise: giustizia sociale, lotta alle diseguaglianze, transizione ecologica. Che poi sono nodi centrali dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e persino dell’enciclica “Laudato sì” di papa Francesco. I progressisti dovrebbero partire da qui.

Domani, a Lecce, si potranno gettare le basi?

Quello delle Sardine è un esperimento collettivo importante: serve un luogo dove fare politica, nel senso di condividere visione e coordinare azioni. L’iniziativa di Lecce è un tentativo di riunire soggetti culturali, artistici e politici che su questi temi la vedono allo stesso modo.

Compreso l’M5S?

Penso di sì, e spero ci saranno anche loro. Dirò di più: vorrei che ambiente e giustizia sociale fossero i temi centrali per rilanciare l’azione del governo. I fondi ottenuti dall’Europa possono essere il volano giusto. Così le forze di maggioranza potrebbero lavorare su quello che le accomuna, invece di piantare bandierine.

Chi è l’interlocutore politico che questi giovani che scendono in piazza hanno?

C’è un’estrema confusione. Da un lato, due grandi contenitori, Pd e 5S, che sui grandi temi hanno posizioni variegate, a volte contraddittorie. Dall’altro, una quantità di sigle e associazioni, a sinistra, che dicono le stesse cose, ma non riescono a fare fronte comune. È importantissimo tentare di far dialogare tutti questi soggetti e le Sardine possono facilitarlo.

Le Sardine, però, sono cambiate. Avranno la stessa importanza nelle corse regionali?

Lo spero: la destra è competitiva e lo diventerà sempre di più all’aumentare delle diseguaglianze post-Covid. Credo che le Sardine non abbiano perso il loro spirito. Mi auguro che possano risvegliare la stessa partecipazione.

Articolo Precedente

Le Sardine son tornate: il tour nelle Regioni (senza candidati)

prev
Articolo Successivo

“Ma quale pausa? Siamo vivi e non ci siamo mai fermati”

next