Korede ha trent’anni, fa l’infermiera e vive con la sorella Ayoola e la madre a Lagos, in Nigeria. La sua vita è faticosa, e non per il suo mestiere, ma perché occupata principalmente da un unico dovere: coprire la sorella più giovane – bellissima, un po’ fatua e indifferente a tutto tranne che alle foto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Da 40 anni lo so. Camilleri è

prev
Articolo Successivo

In lode del gattino tunisino, “rifugiato” a Lampedusa dopo aver attraversato il mare

next