“Non stare mai tranquilli”. “Paura del mattino”. “L’orrore del proprio fisico”. Se è vero, come riporta uno studio dell’Università di Torino, che il 25 per cento degli italiani ha sviluppato una qualche forma di depressione durante l’isolamento, a molti non suonerà inaudito il grido che proviene dal meraviglioso Il campo di concentrazione (Guanda), il diario […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Twilight zone. Revival Berlusconi

prev
Articolo Successivo

“Ho meno soldi dei pompieri: dovrò liquidare l’Eliseo”

next