Parlare di politica e futuro dell’Italia in casa di chi è ritenuto vicino alla ’ndrangheta. Un brutto inciampo per la Lega di Matteo Salvini, che due giorni fa ha tenuto l’ultimo atto della propria scuola di formazione politica nei locali dello Sporting Club di Milano 3, struttura costruita negli anni 80 da Silvio Berlusconi e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Caciosciacallo”: solo fischi e insulti all’intruso Salvini

prev
Articolo Successivo

Il Covid-19 fa più male alle donne

next