Stefano Bonaccini lo teniamo d’occhio da un po’, del resto è impossibile non farlo: ci sono in giro più foto sue che di Chiara Ferragni. Nelle foto, primissimi piani talvolta virati in un poetico ciano, Bonaccini è serio, pensoso, intenso, determinato, preoccupato, assertivo, fiero, dignitoso, sereno. “Dove sono quelli che celebravano Bolsonaro? A proposito di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Le affinità tra squilibrati, le hostess senza slip, l’onanismo di Hugh Hefner

prev
Articolo Successivo

La scuola al tempo del Covid si può fare, con i doppi turni

next