Ci sono dei momenti in cui occorre provare prima di tutto a se stessi di essere liberi. Per me ne è arrivato uno alcuni giorni fa con la morte dell’ex ministro Alfredo Biondi. Il quale, ne ho fatto prova con i miei ricercatori, era sconosciuto alle nuove generazioni essendo ormai lontano dalla vita pubblica da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Effetto virus. “Io, guarita ma in tilt: non dormo, sono uno ‘zombi’ e la morte mi ossessiona”

prev
Articolo Successivo

Giungla contratti scaduti. Gioco anch’io? No tu no. La folle estate del calcio Covid

next