“In un momento di crisi come questo, limitare l’uso del contante è fondamentale per evitare che la criminalità organizzata approfitti della difficoltà di aziende e cittadini”. Luca Tescaroli, 55 anni, è procuratore aggiunto a Firenze, ma i reati della criminalità organizzata e quelli dei colletti bianchi li persegue da quando era a Caltanissetta e poi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Musumeci e la passione per il gerarca fascista di Salò

prev
Articolo Successivo

Povero Orsina: se avesse letto il sondaggio

next