La memoria non sempre stempera le emozioni, magari il tempo mette meglio a fuoco quel che era già chiaro. E Vittorio Cecchi Gori a quasi sessant’anni dalle riprese de Il sorpasso, dal cellulare estrae una foto del set, anno 1962, rigorosamente in bianco e nero, e ne dà una lettura certa: “Nella vita privata Vittorio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Non volevo essere Nabokov Io puntavo a David Bowie”

prev
Articolo Successivo

Da Mbappé a De Bruyne, quando gli euro sono veri

next