Dal libro “Celeste Ladrone”, a cura di Gianni Castiglioni, edito da Kaos Edizioni La reale spiegazione dell’anomala operatività dei conti è data dalla circostanza – provata – che nel corso degli anni, e quantomeno a far data dal 2003, Formigoni aveva larghe disponibilità di denaro contante di cui non è riuscito a indicare la legittima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Favorì gli ospedali dei privati. Maroni alla corte di Sua Sanità

prev
Articolo Successivo

Focolai a Fiumicino e ancora a Bologna. Visita di Mattarella, tensione a Bergamo

next