Il “caso Palamara” continua a emanare miasmi pestilenziali sulla credibilità della magistratura tutta. Per chiunque abbia a cuore lo stato di salute di questa struttura portante della democrazia, la necessità e l’urgenza di buone e radicali riforme – a partire dal Csm – è di indiscutibile evidenza. Come lo è il groviglio che occorre assolutamente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Mail box

prev
Articolo Successivo

Il razzismo del “Giornale” contro i suoi stessi inviati

next