Interrogato su fatti e misfatti del Ninfeo, l’intervistato spiegò con l’abituale franchezza: “La bellezza del Premio Strega è che è fondato sul tradimento”. E alla domanda “Mandava i suoi collaboratori a convincere le vecchie signore a votare per voi?”, rispose: “Delle vecchie signore mi occupavo personalmente, erano la mia specialità”. Gian Arturo Ferrari, gran signore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Dibba l’incendiario: il passo della politica oltre purezza e ideali

prev
Articolo Successivo

Audi A3 Sportback, il nuovo look “curvy” contro i luoghi comuni

next