L’intervista

“Coppe di veleno e coltellate: vi racconto lo Strega ieri e oggi”

Gian Arturo Ferrari - Dopo anni di Ninfeo come editore, oggi è uno dei sei finalisti dell’edizione 2020: “I voti di scuderia? Non esistono quasi più”

26 Giugno 2020

Interrogato su fatti e misfatti del Ninfeo, l’intervistato spiegò con l’abituale franchezza: “La bellezza del Premio Strega è che è fondato sul tradimento”. E alla domanda “Mandava i suoi collaboratori a convincere le vecchie signore a votare per voi?”, rispose: “Delle vecchie signore mi occupavo personalmente, erano la mia specialità”. Gian Arturo Ferrari, gran signore […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.