La Neotangentopoli del metrò milanese pone alcuni problemi alla politica e alla amministrazione della città, in primo luogo al sindaco Giuseppe Sala. Protagonista delle vicende di corruzione è Paolo Bellini, un impiegato della azienda Atm che non è neppure un dirigente, non ha poteri di firma e non fa parte delle commissioni di gara. Eppure […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Mail box

next