Martedì prossimo Enzo Baldoni tornerà nella sua città, la Milano che amava. Pubblicitario, pacifista, giornalista free lance, nell’agosto 2004 era in Iraq per raccontare sul settimanale Diario la guerra in corso dopo l’abbattimento del regime di Saddam. Fu sequestrato e ucciso dai ribelli islamici che combattevano l’occupazione americana. Il suo corpo restò disperso fino al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“La ricotta è pronta”, ma Messina Denaro ancora non c’è. Il blitz in casa della madre

prev
Articolo Successivo

Uranio impoverito. I sindacati contro le “omissioni”

next