Per chi s’interessa di costume e antropologia, le intercettazioni indicate dalle Procure come “non rilevanti” sono spesso le più rilevanti per tratteggiare caratteri, far emergere vanità, individuare un linguaggio, insomma per comporre il grande romanzo contemporaneo di un potere impegnato con tutti i mezzi alla sua perpetuazione. Vale per politici e magistrati: non facciamo favoritismi. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Lotti contro il pm “nemico”. “Pronta l’interrogazione”

prev
Articolo Successivo

Rider, il contratto nazionale è lontano: meglio i caporali

next