Bloccare le porte girevoli che portano i politici, per una stagione, dentro il Csm, l’organo di autogoverno della magistratura (secondo la Costituzione), su cui si allungano però le manone dei partiti (secondo la pratica politica). È una delle proposte del ministro della Giustizia Alfredo Bonafede per riformare il Csm, battuto nei mesi scorsi dalle tempeste […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Falsata l’elezione della Lega di A”. Malagò indagato

prev
Articolo Successivo

Dividendi e maxi-fusioni, ma con la Cig: il caso Aon

next