Le buone notizie per i consumatori, si sa, si nascondono sempre dietro a insidie e tempi biblici. Come nel caso della prescrizione breve da 5 a due anni annunciata nel 2018 per mettere fine ai maxi conguagli delle bollette pazze. Una situazione che però non si è affatto sanata per colpa di un codicillo inserito […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Tra spot e tirannia, l’Africa è la miniera d’oro di Heineken

prev
Articolo Successivo

Sessant’anni fa Sraffa ci spiegò che il “neoliberismo” si sbaglia

next