“Mi è stato chiesto di fare delle cose incompatibili con la mia coscienza. E anche con la legge. Comandati dalla Lega, che sta egemonizzando ogni settore, con strategie clientelari. Quelle contro cui in teoria dovremmo combattere. Ho sbagliato ad assumere questo ruolo”. Così Elisa Serafini, ex assessore alla Cultura del Comune di Genova – nella […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Zona rossa in Lombardia, ecco perché la Regione Lombardia poteva chiudere

prev
Articolo Successivo

La scelta di Orbán e i sovranisti italiani

next