L’estate potrà trascorrere serenamente. Però l’autunno, sul fronte dei processi, sarà molto caldo. Causa coronavirus, parecchie udienze sono state rinviate per la necessità di garantire le misure di sicurezza, compreso il distanziamento. Insomma, non si può permettere che imputati, avvocati, magistrati e testimoni riempiano le aule dei tribunali, aumentando il rischio contagio. Sono slittati così […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La scelta di Orbán e i sovranisti italiani

prev
Articolo Successivo

Ascensori fuoriuso e termometri: caos nelle Procure

next