Quando non distanzia, il virus può arrivare a unire, anche profondamente. Almeno negli intenti solidal-culturali. A capirlo, in questo caso, è il mondo dei grandi cine-festival, che – al netto di cancellazioni, sospensioni e slittamenti – si è inventato il We Are One: A Global Film Festival, una vetrina di cinema digitale senza precedenti da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Zak, si gira: il sogno di fare il wrestler

prev
Articolo Successivo

“Space force”, come ridere di The Donald

next