Sottoposta all’incrocio di circa tremila chat, migliaia di intercettazioni telefoniche e persino di un trojan, che ha trasformato il suo telefono in una microspia potenzialmente attiva h24, la vita di Luca Palamara è un puzzle dove ogni minuto rappresenta una tessera da incastrare. A patto di trovarla. All’indomani della notte tra l’8 e il 9 […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Lezione di Mattarella a Salvini: “Csm non si può sciogliere ora”

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next