I cicli della politica e del consenso ormai sono più rapidi delle foto usa e getta che scattiamo una volta e dimentichiamo per sempre nella memoria del telefono. Sono talmente brevi che da un giorno all’altro si scopre una Giorgia Meloni non diciamo europeista, ma sicuramente meno scettica di come ce la ricordavamo fino all’altroieri. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Metà dei prestiti al Nord. E il Sud rischia l’usura

prev
Articolo Successivo

“Putin si veste da eroe della patria, ma il Covid potrebbe battere lui”

next